Emergenza Coronavirus: la risposta delle Compagnie Credito

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Riportiamo qui le disposizioni adottate dalle Compagnie che assicurano i crediti commerciali nei confronti dei loro assicurati al fine di agevolarli per fronteggiare la situazione d'emergenza legata al Coronavirus. Manterremo aggiornata questa pagina in caso di modifiche. (naturalmente ogni assicurato è già stato informato!).

Emergenza COVID-19 - Compagnie Credito

Le Compagnie che assicurano i crediti commerciali delle aziende hanno adottato le seguenti disposizioni

(questa pagina è stata aggiornata il 30/3/2020).

ATRADIUS

10/03/2020

Atradius ha predisposto alcune misure ritenute utili per dare sostegno ai propri Clienti, con riferimento alla loro polizza di assicurazione dei crediti.

Le comunichiamo pertanto che, con effetto dalla data odierna (13/03/2020), la facoltà di concedere dilazioni dei termini di pagamento originariamente convenuti con i Vostri acquirenti disciplinata dal Modulo 16900, viene estesa di ulteriori 60 giorni rispetto a quanto indicato nelle Condizioni Particolari di polizza quale Periodo Massimo di Dilazione.

Tale proroga si intende applicabile anche ai crediti ad oggi scaduti il cui obbligo di notifica rientra nei termini di cui al Modulo 18500 ed in ogni caso è riferita ai crediti la cui scadenza originaria di pagamento non vada oltre la data del 30 giugno 2020.

Inoltre Atradius, con riferimento alle scadenze di polizza previste per il pagamento dei premi assicurativi, nonché per le fatture relative ai diritti di istruttoria e alle spese di recupero dei crediti, adotterà una tolleranza di pagamento fino a 60 giorni rispetto alle scadenze indicate.

Tale concessione si intende riferita alle fatture le cui scadenze non vadano oltre il 30 giugno 2020.

A tale riguardo si precisa che nel caso in cui abbiate adottato la modalità di pagamento SEPA Direct Debit, Atradius sospenderà temporaneamente l'invio delle richieste di addebito diretto su vostro conto corrente previsto da tale procedura.

Qualora desideriate mantenere vigente tale sospensione, vi preghiamo di notificarlo all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e in tal caso i pagamenti dovranno essere effettuati tramite bonifico sulle seguenti coordinate bancarie, specificando nella causale il "numero fattura" o il "numero di rendiconto" identificativo del documento oggetto del pagamento...

CREDENDO

24/03/2020

La Compagnia comunica che il normale termine per le dichiarazioni (di fatturato) all’assicuratore è prorogato di un mese rispetto a quanto previsto nella propria polizza (articolo 6.2.1 delle Condizioni Generali) . Tutto ciò vale fintanto che la situazione Covid-19 non vi consente di riprendere le normali attività commerciali.

Con la presente confermiamo che il normale termine per la denuncia di potenziale sinistro è prorogato di un mese rispetto a quanto previsto nella propria polizza (articolo 9.1.4 delle Condizioni Generali). Tutto ciò vale fintanto che la situazione Covid-19 non vi consente di riprendere le normali attività commerciali.

Con la presente confermiamo che le condizioni previste per concedere proroghe della data di scadenza ai sensi dell’articolo 9.1.3 delle Condizioni generali sono rese più flessibili. Le seguenti condizioni non si applicano più:

  • la condizione che la proroga sia stata richiesta dal debitore al più tardi entro il termine di 60 giorni dalla data di scadenza originaria; e
  • la condizione che la nuova durata complessiva del credito non ecceda il doppio della durata di credito originariamente concessa.

Continua ad applicarsi la condizione che la nuova durata complessiva del credito non superi i 360 giorni.

COFACE

19/03/2020

Coface ha adottato alcune misure di maggior flessibilità nella gestione delle dilazioni di pagamento con gli Acquirenti italiani.

Per consentire una maggiore flessibilità nella gestione delle dilazioni di pagamento con gli acquirenti italiani, l’Assicurato è autorizzato a posticipare di ulteriori 60 giorni il termine massimo per l’apertura di segnalazioni di morosità i cui termini di denuncia siano originalmente previsti tra la data odierna e il 03/04/2020.

Tale flessibilità è da intendersi autorizzata anche per le eventuali proroghe già concesse, ferme le altre disposizioni contrattuali.

27/03/2020

A seguito degli ultimi interventi in materia di contenimento del virus COVID – 19 emanati dal Governo, Coface ha adottato alcune misure ad integrazione delle precedenti per dare maggior flessibilità nella gestione delle dilazioni di pagamento con gli Acquirenti.

  • per consentire una maggiore flessibilità nella gestione delle dilazioni di pagamento con gli acquirenti residenti in tutti i paesi in copertura, l’Assicurato è autorizzato a posticipare di ulteriori 60 giorni il termine massimo per l’apertura di segnalazioni di morosità i cui termini di denuncia siano originalmente previsti tra la data odierna e il 31/05/2020;
  • tutte le vendite effettuate nel periodo di proroga sono in garanzia nel rispetto del massimale dell’affidamento e di tutte le altre previsioni di polizza;
  • tale flessibilità è da intendersi autorizzata anche per le eventuali proroghe già concesse, ferme le altre disposizioni contrattuali.

Infine, in questo specifico momento Vi suggeriamo, per quanto possibile, di non caricare su Cofanet delle segnalazioni di morosità, specie se in anticipo rispetto ai termini previsti in polizza, bensì delle normali richieste di proroga: in caso di dubbi in merito, La preghiamo di contattarci prima di caricare l’eventuale morosità su Cofanet.

14/05/2020

In riferimento alle precedenti Misure di Flessibilità di Coface relative alla proroga di 60 giorni del Termine Massimo per la segnalazione di morosità, la finestra temporale per l’applicabilità di tale proroga è stata aumentata di +1 mese.

La proroga di 60 giorni è ora applicabile alle morosità il cui Termine Massimo per la segnalazione ricada nel periodo tra Marzo 2020 e GIUGNO 2020.

Infine, in questo specifico momento Vi suggeriamo, per quanto possibile, di non caricare su Cofanet delle segnalazioni di morosità, specie se in anticipo rispetto ai termini previsti in polizza, bensì delle normali richieste di proroga: in caso di dubbi in merito, La preghiamo di contattarci prima di caricare l’eventuale morosità su Cofanet.

EULER HERMES

23/03/2020

A partire dal 23 marzo tutti i nostri Assicurati possono, per le scadenze sino al 31 maggio 2020, concedere alle condizioni di polizza ulteriori 60 giorni di proroga ai propri Clienti, da aggiungere a quelli già previsti in polizza. Inoltre possono segnalare l’eventuale mancato pagamento degli stessi - per importi non superiori a 500mila euro-nel corso dei trenta giorni successivi, salvo valutare se richiedere una nostra autorizzazione a ulteriori proroghe.

Restano fermi i termini di polizza per le denunce di sinistro collegate allo “stato di insolvenza” del Cliente.

Inoltre per tutti gli Assicurati con un fatturato assicurato annuo non superiore a 25milioni di euro, in considerazione dell’impatto che l’emergenza Covid 19 ha su questa rilevante parte del tessuto imprenditoriale italiano, Euler Hermes Italia mette a disposizione un ulteriore pacchetto di misure specificatamente dedicate.

Per cui se la Sua Azienda rientra in tale categoria, in deroga alle attuali condizioni di polizza, sempre a partire dal 23 marzo, potrà usufruire delle seguenti agevolazioni:

  • sospensione dagli obblighi di notifica delle operazioni assicurate e dagli obblighi del pagamento del premio nonché delle commissioni relative alle sole richieste di affidamento siano esse per Limiti Massimi Assicurabili che per Infocover o Smartcover - se attive - fino al 30 aprile;
  • le notifiche delle operazioni assicurate “sospese” potranno essere da Lei inviate entro e non oltre 30 aprile c.a.
  • per i sinistri -di importo non superiore a 50mila euro- che dovessero divenire indennizzabili da oggi sino al 30 aprile p.v., impegno di Euler Hermes Italia non solo a rispettare i termini di polizza ma ad accelerarne il pagamento semplificando, ove possibile, le procedure di controllo e quant’altro.

SACE BT

10/03/2020

In relazione all’evolversi degli eventi legati alla rapida diffusione del virus COVID-19 e alle necessarie restrizioni conseguenti, SACE BT ha deciso di dare il proprio contributo a supporto delle aziende assicurate che operano sull’intero territorio nazionale.

Abbiamo infatti studiato delle misure per ridurre al minimo gli impatti negativi sul business e che prevedono interventi su tutti i rami da noi esercitati.

Nello specifico, in ottemperanza al Decreto Legge n. 9 del 2 marzo 2020, ti informiamo che il pagamento dei premi, delle fatture per diritti di istruttoria ed altre fatture emesse da SACE SRV, nonché la presentazione delle notifiche di fatturato (ramo credito), potrà ritenersi sospeso fino al 30 aprile 2020.

A tal proposito “…Le imprese assicurano la copertura dei rischi ed il pagamento dei sinistri per gli eventi accaduti durante il periodo di sospensione anche in assenza del pagamento del premio durante il medesimo periodo di sospensione, fatto salvo il conguaglio con il premio dovuto in sede di liquidazione del sinistro se il soggetto che ha diritto alla prestazione assicurativa coincide con il soggetto tenuto al pagamento del premio”. – art. 7 del decreto sopracitato.

Qualora diversa da quella sopradescritta, la definizione delle scadenze rientranti nei provvedimenti intrapresi verrà indicata con una specifica comunicazione riservata agli assicurati dei rami interessati.

L’adempimento degli obblighi contrattuali sopra descritti dovrà avvenire entro un mese dalla data del 30 aprile 2020.

SACE BT sospenderà momentaneamente tutte le azioni volte al recupero del pagamento dei premi per le polizze di tutti i rami, degli eventuali diritti di istruttoria ed altre fatture emesse da SACE SRV per il ramo credito, con scadenza entro il range temporale sopra indicato.

Limitatamente al ramo credito, intendiamo offrire agli assicurati la possibilità di concedere ai propri debitori residenti in tutto il territorio nazionale, una ulteriore proroga di 2 mesi rispetto al periodo massimo di proroga stabilito in polizza, al fine di dare agli assicurati una maggiore flessibilità nella gestione delle richieste di riscadenzamento.

20/3/2020

Nota Informativa 20.03.2020: trasmissione approfondimenti faq - focus on ramo credito

In relazione alla diffusione sempre maggiore del Corona virus sia in Italia che all’estero,  abbiamo deciso di integrare le misure già adottate a sostegno del business delle nostre imprese assicurate con particolare focus sul ramo credito.

In particolare ti informiamo che l’ulteriore proroga di 60 giorni già concessa sui buyer italiani verrà estesa anche a tutti i debitori esteri per lo stesso range temporale per le scadenze che vanno dal 21 febbraio al 30 aprile.

Inoltre, in relazione alla liquidazione dei sinistri, ti informiamo che per lo stesso periodo sopra descritto sospenderemo tutti i provvedimenti di compensazione tra indennizzo e pagamento dei premi arretrati. Le singole posizioni verranno comunicate di volta in volta dalla nostra amministrazione.

27/04/2020

Comunicazione Credito: 27.04.2020: Emergenza coronavirus – nuove misure a supporto della clientela

In relazione al protrarsi dell’emergenza legata al Covid-19 e all’impatto che le misure di contenimento del virus hanno generato sul business delle Imprese, SACE BT ha deciso di estendere i termini di alcune agevolazioni concesse alle aziende assicurate nel ramo Credito.

SACE SIMEST ha messo a disposizione delle imprese italiane numerosi strumenti per permettere l’accesso alla liquidità, le prime richieste sono già pervenute ma il completamento delle operazioni richiederà ancora un po' di tempo per consentirne l’effettiva fruizione. Inoltre, la maggior parte dei paesi con i quali l’Italia intrattiene relazioni commerciali si trova ancora nel pieno della crisi dovuta al Covid-19 in conseguenza di uno sfasamento temporale di almeno due settimane. Questi aspetti, unitamente alla necessità di prevedere una riapertura graduale delle attività, ci fanno supporre che serviranno ancora alcune settimane prima di tornare ad una gestione ordinaria della vita privata e professionale.

Di conseguenza, facendo seguito alle nostre precedenti comunicazioni contenenti le misure dedicate agli assicurati nell’arco temporale dal 21 febbraio al 30 aprile 2020, abbiamo individuato 2 ambiti di applicazione per estendere il beneficio delle stesse. In particolare abbiamo definito quanto segue:

Proroga dei termini di pagamento:

  1. gli assicurati potranno concedere ai propri debitori sia italiani che esteri ulteriori 60 giorni di proroga per le fatture la cui scadenza (originaria o prorogata) sia ricompresa tra le date 1 maggio – 30 giugno 2020;
  2. gli assicurati che, per le fatture con scadenza (originaria o prorogata) ricompresa tra il 21 febbraio e il 30 aprile, abbiano già beneficiato dell’estensione concessa, qualora necessario potranno estendere ai propri debitori la proroga fino al 30 giugno p.v.

Ordini in corso:

in considerazione delle limitazioni determinate dal lockdown, per gli assicurati che beneficiano dell’appendice di ordini in corso, in deroga a quanto stabilito nella stessa, si stabilisce che per tutti i provvedimenti restrittivi (riduzioni e cancellazioni) comunicati entro il prossimo 21 maggio, le relative comunicazioni di assunzione in copertura potranno essere inviate entro il 31 maggio p.v. Per i provvedimenti comunicati a partire dal 22 maggio verrà ripristinata la consueta operatività.


PICO

Vi ricordiamo che in ottemperanza alla disposizioni governative per contenere la diffusione del virus Pico è operativo in Smart Working e fin quando sarà possibile garantirà una presenza in ufficio. Qualora non vi rispondessimo al telefono inviateci una email.

NOTA BENE: PER URGENZE NON SCRIVETE SOLO AGLI INDIRIZZI PERSONALI MA SEMPRE ANCHE A QUESTI INDIRIZZI CHE SONO LETTI DA PIU' PERSONE E GARANTISCONO QUINDI UNA PRONTA RISPOSTA

Restiamo tutti a casa! E’ la comprovata arma vincente per debellare il virus.

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.