Report AXA: il problema del climate change

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nell'ultimo report di Axa gli analisti tornano a sottolineare come la questione del climate change sia in cima alla lista delle preoccupazioni a livello planetario. Le aziende devono rispondere non solo alla mutevole gravità di alcuni eventi meteorologici estremi che potrebbero inficiare il funzionamento delle loro attività, ma anche ai requisiti globali di riduzione delle emissioni di carbonio. L'analisi di modelli climatici e le iniziative per favorire una transizione delle aziende all'ecosostenibilità risulta una prima valida risposta al fenomeno del climate change.

Report AXA: il problema del climate change

Un solido consenso scientifico

La scienza è chiara: il quinto "Rapporto di valutazione" del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha presentato prove della comunità scientifica globale che la Terra si sta riscaldando a un ritmo senza precedenti e che le emissioni di gas serra (GHG) di origine antropica sono la causa principale, in particolare l'anidride carbonica. I probabili impatti dei cambiamenti climatici sono ben documentati e in effetti si stanno verificando alcuni degli effetti che erano stati previsti dalla scienza in passato, ad esempio: perdita di ghiaccio marino, innalzamento accelerato del livello del mare e ondate di calore più intense e più lunghe.

Alcuni Paesi in via di sviluppo saranno i più colpiti, poiché le popolazioni locali dipendono in modo significativo dal loro ambiente naturale e hanno meno risorse per far fronte a un clima degradato. I decessi dovuti al calore e le malattie trasmesse dall'acqua possono aumentare. Molte piante e specie terrestri, d'acqua dolce e marine, stanno lottando per far fronte a un clima in rapido cambiamento e affrontano un rischio maggiore di estinzione, aggravando la crisi della biodiversità. Infine, le economie locali potrebbero subire un aumento dei danni alla proprietà e alle infrastrutture e alcune industrie che dipendono maggiormente da fattori ambientali, come l'agricoltura, la silvicoltura, l'energia e il turismo, potrebbero subire una diminuzione dei ricavi.

Vuoi proteggere la tua azienda dai rischi? CLICCA QUI

Tecniche di gestione del rischio adattate al cambiamento climatico

La valutazione dei rischi legati al cambiamento climatico è una priorità crescente nel settore dei servizi finanziari. I quadri di gestione del rischio devono essere adattati alle specificità del rischio climatico. Poiché i rischi del cambiamento climatico si manifestano in periodi di medio e lunghissimo periodo, le loro traiettorie e gli impatti sono particolarmente incerti. Inoltre i cambiamenti nelle dinamiche climatiche genereranno cambiamenti strutturali con ampi effetti sulle attività economiche, finanziarie e assicurative che non trovano pieno riscontro nei dati storici. A questo proposito l'analisi di scenari climatici basata su diverse traiettorie delle condizioni climatiche potrebbe essere uno strumento rilevante per condurre una valutazione lungimirante delle potenziali vulnerabilità e opportunità legate ai rischi del cambiamento climatico. Sotto questo punto di vista la Banca di Francia e l'Autorità di controllo prudenziale e di risoluzione (ACPR) hanno partecipato attivamente al progetto pilota "Network for Greening the Financial System scenarios" (NGFS) che fornisce un insieme coerente di percorsi proiezioni dell'impatto climatico e indicatori economici a livello di Paese, su un lungo orizzonte temporale e sotto diverse ipotesi.

AXA ha contribuito attivamente a questo esercizio esplorativo e vede l'analisi degli scenari climatici come un'opportunità per comprendere ulteriormente le implicazioni a lungo termine dei cambiamenti climatici sui portafogli di investimento e sulle attività assicurative. Attraverso questa cooperazione con ACPR e i colleghi del settore AXA, dovrebbe essere più agevole affrontare i rischi del cambiamento climatico.

In conclusione, l'analisi degli scenari climatici condotti nel corso dell'anno contribuiscono a integrare ulteriormente il cambiamento climatico nel quadro di gestione del rischio e forniscono i primi risultati quantitativi approfonditi per scopi di rischio e di business. Tuttavia, tali quantificazioni preliminari sono state eseguite utilizzando modelli semplificati che dovranno essere migliorati e integrati nelle decisioni strategiche.

Un'iniziativa interessante 

La maggior parte dei dipendenti in tutto il mondo è pronta ad agire sul cambiamento climatico nel contesto del proprio lavoro. Il loro coinvolgimento è un'opportunità per le aziende che affrontano la sfida della trasformazione sostenibile. Questi dipendenti/cittadini vogliono essere coinvolti e si aspettano lo stesso dal loro datore di lavoro. In risposta a questa sfida, AXA Climate ha lanciato la "Climate School", il primo programma che aggiunge valore ai dipartimenti di risorse umane e sostenibilità per informare e formare tutti i dipendenti per realizzare una trasformazione sostenibile della loro professione.

Il programma di formazione online è strutturato lungo 2 principali linee:

  1. Scienza: per comprendere il cambiamento climatico, le risorse naturali, la biodiversità e l'impatto che ha sulle nostre vite. Sei corsi di approfondimento organizzati in circa 40 brevi video e quiz;
  2. Azione: la trasformazione sostenibile interessa oggi tutte le professioni. Lavoro dopo lavoro, i dipendenti devono capire come e tracciare la loro tabella di marcia per agire e adattarsi. 10 corsi per professione (IT, HR, Acquisti, Finanza, Legale, ecc.) organizzati in circa 50 brevi video e quiz.

Per i propri dipendenti, AXA ha creato una formazione di 2 ore per aumentare la consapevolezza e preparare i dipendenti all'azione, attraverso tre moduli di formazione: prospettiva scientifica, prospettiva di business e prospettiva di squadra.

Per visionare l'articolo completo di Axa CLICCA QUI  

Fonte: AXA Magazine

Vuoi proteggere la tua azienda? Fai un'analisi dei rischi! CLICCA QUI

 

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.