Sentenza C.C. n. 10289: Responsabilità avvocato non esclusa se i mezzi difensivi sono sollecitati dal cliente

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Cassazione, appurata l’infondatezza di ciascuna delle doglianze articolate dal professionista ricorrente, ne ha ribadito i profili di responsabilità professionale ex art 1176 c.c., sussistenti anche nell’ipotesi in cui l’adozione dei mezzi difensivi, rivelatisi poi pregiudizievoli per l’assistito, sia stata concordata con il cliente medesimo.

Responsabilità dell'avvocato: non è esclusa se i mezzi difensivi sono sollecitati dal cliente. C.C. 10289, 2015.

15/06/2015

Riportiamo un articolo dal sito della rivista Ex Parte Creditoris a cura dell'Avv. Raffaella Iascione che riporta e commenta la sentenza n. 10289 del 20.05.2015, della Corte di Cassazione (Sezione Terza, Pres. Russo – Rel. Scrima). La sentenza stabilisce:

La responsabilità professionale dell'avvocato, la cui obbligazione è di mezzi e non di risultato, presuppone la violazione del dovere di diligenza media esigibile ex art. 1176, comma 2, c.c. Tale violazione, ove consista nell'adozione di mezzi difensivi pregiudizievoli al cliente, non è esclusa, né ridotta, dalla circostanza che l'adozione di tali mezzi sia stata sollecitata dal cliente stesso, poiché è esclusivo compito del legale la scelta della linea tecnica da seguire nella prestazione dell'attività professionale. L'avvocato, inoltre, all'atto del conferimento del mandato e nel corso dello svolgimento del rapporto, è tenuto non solo al dovere di informazione del cliente, ma anche ai doveri di sollecitazione, dissuasione ed informazione dello stesso, nonché a sconsigliare all'assistito la introduzione o la prosecuzione di un giudizio dall'esito probabilmente sfavorevole.

... La Cassazione, appurata l’infondatezza di ciascuna delle doglianze articolate dal professionista ricorrente, ne ha ribadito i profili di responsabilità professionale ex art 1176 c.c., sussistenti anche nell’ipotesi in cui l’adozione dei mezzi difensivi, rivelatisi poi pregiudizievoli per l’assistito, sia stata concordata con il cliente medesimo. In conclusione, il Collegio ha precisato che compete esclusivamente all’avvocato la scelta della linea da seguire nello svolgimento dell’incarico ricevuto, risultando l’espletamento del mandato correlato da rigorosi obblighi di informazione, dissuasione e sollecitazione.

Hai valutato se la tua polizza RC Professionale è adeguata?

Se in passato ti sei assicurato solo per assolvere un obbligo di legge e hai acquistato la polizza più economica che hai trovato forse è ora di cominciare a rivedere questa scelta.

Serve una polizza di RC Professionale?

Pico Adviser Group ha fatto la scelta di non proporre polizze a "basso costo": ciò però non significa proporre polizze "care", ma polizze con caratteristiche molto performanti perchè una polizza deve proteggere nei casi di vera emergenza...

Consigliamo a tutti coloro che cercano una polizza di Rc professionale per assolvere un obbligo di legge di cercare giustamente il costo minore, consci però del fatto che la copertura potrebbe esser insufficiente.

Abbiamo stabilito innanzitutto di proporre esclusivamente Polizza di Responsabilita' Civile Professionale di tipo "All Risks", preferibilmente con retroattività illimitata e, soprattutto, con un massimale minimo di € 500.000.

Massima velocita' e praticita' per ottenere la polizza: pochi dati, un semplice questionario e in pochi giorni otterra' la polizza, il tutto a mezzo di email!

CLICCA QUI PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.