La ripresa delle imprese spagnole e italiane: una strada ancora lunga

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Coface, basandosi sui dati delle banche centrali spagnole ed italiane, ha effettuato delle simulazioni sull’evoluzione della solvibilità delle imprese nel secondo trimestre. Tra le imprese italiane, i settori più a rischio risultano quelli delle auto, costruzioni e vendita al dettaglio. Molti elementi fanno presagire una ripresa lunga e difficile che protrarrà i suoi effetti anche nel 2021.

Una ripresa lenta e lunga

Italia e Spagna sono stati i due Paesi maggiormente colpiti dal Covid-19. Non sorprende quindi che le loro economie avranno una sensibile contrazione, rispettivamente del 12,8% e del 13,6% nel 2020, secondo le previsioni di Coface che prevede, inoltre, un aumento delle insolvenze d’impresa, nonostante le misure messe in atto in questi mesi per contenerle: del 22% in Spagna e del 37% in Italia entro il 2021, rispetto ai livelli del 2019. Il PIL spagnolo e italiano aumenterà del 10,2% e dell’8,9%, nel 2021, lasciando le economie rispettivamente al 3,9% e al 5,9% al di sotto dei livelli del 2019.

Timore di imprese zombie in Italia

Basandosi sui dati delle banche centrali spagnole e italiane, Coface ha effettuato delle simulazioni sulla solvibilità delle imprese. La situazione finanziaria è risultata migliore rispetto alla crisi finanziaria globale del 2009 ma, con un tasso di indebitamento del 50%, risultano comunque le più indebitate tra quelle delle grandi economie europee. L’eccessivo indebitamento è associato a investimenti privati ridotti. Di conseguenza, la crisi del Covid-19 potrebbe esercitare una pressione al ribasso prolungata sul potenziale di crescita di questi Paesi.

Le imprese maggiormente in difficoltà si riscontrano in Italia. Nella maggior parte dei casi alla base di questa difficoltà vi è una minore liquidità, minore redditività e adeguamenti di costo più lenti. Con questi scenari si teme l’emergere di nuove imprese zombie in Italia, ossia imprese fortemente indebitate che non saranno in grado di porre le basi per la crescita futura.

Vuoi proteggere la tua azienda dal rischio credito? CLICCA QUI

Auto, costruzioni e vendita al dettaglio tra i settori più vulnerabili

La vulnerabilità delle imprese differirà in base al settore e alla dimensione, non solo in termini di intensità degli shock, ma anche in ragione della fragilità dei bilanci pre-Covid-19.

Tra i settori più in difficoltà quello delle auto, a causa della sua abitudine di detenere poca liquidità: a fine 2018, le riserve di liquidità in percentuale del fatturato ammontavano solo al 2,7% in Italia e allo 0,5% in Spagna.

Anche il settore del commercio al dettaglio e delle costruzioni, caratterizzati da un forte effetto leva e da tassi bassi di copertura degli interessi previsti, saranno particolarmente vulnerabili, così come i piccoli produttori tessili italiani.

Clicca QUI per visualizzare il report Coface

Fonte: COFACE
 
Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?
Pico Adviser Group è un broker specializzato che si occupa di Credito Commerciale dal 1992 e conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie e sa rispondere a tutte le tue domande per indicarti la soluzione più “giusta” per la tua Azienda.

CLICCA QUI per una PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' della POLIZZA CREDITI.

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una valutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda.

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.