TitleDescriptionKeywordsGeneratorRobots

Easy Frontend SEO







Notice: Entered data will also be saved into the core tables!

Coface: tensioni protezionistiche per il settore agroalimentare

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Coface, nel suo ultimo comunicato stampa, analizza la situazione del settore agroalimentare considerando l'ondata protezionistica dell'economia mondiale, concentrandosi su alcune categorie di rischio riguardanti l'agroalimentare.

L'agroalimentare tra rischi e futuro

Il settore agroalimentare è fortemente collegato al mercato delle materie prime   

Per dimostrare la volatilità del mercato agroalimentare Coface si concentra particolarmente sul mercato della soia, alimento di base di diffuso utilizzo.

Coface si aspetta un ribasso del prezzo del 9% rispetto all'anno precedente dovuto a fattori come la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, la conseguente introduzione di dazi doganali e, in ultimo, alla peste suina africana che, costringendo l'abbattimento di una parte della popolazione suina, ha portato alla riduzione dell'utilizzo della soia.

La guerra doganale sta mettendo a rischio anche le cosiddette "rotte di esportazione", ovvero le principali vie di commercio: per quanto questo fenomeno possa favorire alcuni mercati nazionali, che vedrebbero innalzata la loro posizione rispetto ai concorrenti, sfavorisce il settore agroalimentare a livello globale. 

Vuoi proteggere la tua azienda dal rischio credito? CLICCA QUI

Il rischio climatico e il libero scambio

Il settore agroalimentare è fortemente condizionato anche dalle condizioni climatiche, in particolare da situazioni di elevata siccità e precipitazioni esagerate, che minano i raccolti e i pascoli. Una condizione particolarmente ostile che si verifica nei Paesi sudamericani è quella del fenomeno "El Niño" durante il quale le acque dell'Oceano Pacifico si riscaldano provocando inondazioni e siccità.

L'agroalimentare è al centro di vari accordi di libero scambio per eliminare tariffe doganali e dazi (es. il recente accordo UE-MERCOSUR, il mercato comune del Sud America) ma è anche al centro di una sorta di ondata protezionistica dovuta ad agricoltori ed opinione pubblica che ne ritarda la ratifica.

Meglio assicurarsi!

E' sempre consigliabile proteggere il rischio credito della propria azienda: per farlo nel miglior modo e per esser sicuri di ottenere la migliore copertura, personalizzata in base alle proprie reali esigenze (es. mercati in cui si opera, dilazioni concesse, tipologia di merci...) occorre rivolgersi ad un broker specializzato in questo settore come Pico Adviser!

Clicca QUI per visualizzare il comunicato stampa Coface

Fonte: COFACE
Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?
Pico Adviser Group è un broker specializzato che si occupa di Credito Commerciale dal 1992 e conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie e sa rispondere a tutte le tue domande per indicarti la soluzione più “giusta” per la tua Azienda.

CLICCA QUI per una PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' della POLIZZA CREDITI.

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una valutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda.

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.