Report Credendo: i rischi politici in Iraq

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Le ostilità tra governo Curdo e governo federale, l'aumento delle tensioni con l'Arabia Saudita e gli USA, la divisione tra le comunità Sciite e Sannite, le continue proteste popolari e gli attacchi di insurrezione sono i rischi politici che potrebbero colpire l'Iraq. Nonostante ciò Credendo ha deciso di migliorare la classificazione del rischio politico dell'Iraq dalla categoria 7 alla categoria 6.

Iraq migliora la sicurezza ma mantiene il rischio politico

Mentre la situazione della sicurezza in Iraq è migliorata negli anni, quella politica è rimasta bloccata sulle discussioni nell'interpretazione di diversi elementi della costituzione e sul ruolo del governo dimostrando che l'Iraq era profondamente diviso nei diversi settori.

Dall'estromissione di Saddam Hussein nel 2003, l'Iraq ha attraversato un periodo turbolento di guerra civile e nemmeno l'autorità provvisoria installata dagli Stati Uniti è stata in grado di gestire la situazione. Dopo che il presidente Obama ha annunciato la fine di tutte le operazioni di combattimento in Iraq nell'agosto 2010 sono iniziate manifestazioni popolari sulla mancanza dei servizi di base come l'elettricità.

La cancellazione del debito ha migliorato le prospettive

Per limitare questi problemi il Club di Parigi (gruppo informale dei 22 Paesi più ricchi del mondo) nel 2004 ha ridotto il debito estero dell'Iraq.

Credendo prevede che il rapporto tra debito ed esportazioni aumenterà ma rimarrà comunque al di sotto dell'80% a medio termine.

Attualmente l'Iraq ha un debito pubblico inferiore al 50% del PIL e un disavanzo pubblico che ha raggiunto il 13,9% del PIL nel 2016 a causa dei conflitti con lo Stato Islamico e della diminuzione dei prezzi del petrolio. 

Vuoi sapere come proteggere al meglio i tuoi crediti commerciali? Compila il form di contatto CLICCANDO QUI.

Nonostante le riserve finanziarie dell'Iraq siano grandi e siano rimaste stabili negli ultimi anni, lo scenario attuale prevede un calo significativo delle risorse entro il 2024 per via di una riduzione dei prezzi del petrolio. Credendo prevede anche che i livelli del debito dell'Iraq siano sostenibili, il che indica che i principali rischi rimangono quelli politici.

La classificazione di Credendo sul rischio politico a breve termine e medio/alto termine in Iraq è 6/7 per entrambi.

Clicca qui per visualizzare il Risk Assessment Credendo su Iraq

Fonte: Credendo

Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?
Pico Adviser Group è un broker specializzato che si occupa di Credito Commerciale dal 1992 e conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie e sa rispondere a tutte le tue domande per indicarti la soluzione più “giusta” per la tua Azienda.

CLICCA QUI per una PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' della POLIZZA CREDITI.

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una prevalutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda.

 

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.