SACE: quali prospettive per l'export italiano nel 2019

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L’ultimo report Export del Polo SACE SIMEST, presentato in Borsa a Milano, vede ancora una volta confermato il ruolo cruciale dell’export nell’economia italiana: nonostante le incertezze e le complessità degli scenari globali un futuro ancora in crescita per le esportazioni nel 2019 e nel triennio successivo; si prevedono 540 milliardi di euro nel 2022 frutto delle vendite estere.

Export italiano ancora in crescita

Dopo un 2018 che ha segnato un aumento del 3,1%, l’export è pronto a mantenere le previsioni di crescita del 3,4% per il 2019, che saliranno al 4,3% medio annuale nel periodo 2020-2022. A questo ritmo le vendite estere di beni italiani arriveranno a superare i 540 miliardi di euro nel 2022. Beniamino Quintieri, Presidente SACE, afferma che le imprese esportatrici stanno raccogliendo i frutti del riposizionamento di un’offerta di sempre più alta qualità, fattore che contraddistingue il mercato italiano da quelli esteri.

La previsione di crescita nell’export è ancora più significativa se letta nel quadro di un contesto globale complesso, in cui le tensioni protezionistiche, il rallentamento della Cina, dell'Eurozona e degli Stati Uniti e la questione Brexit stanno già causando un calo nelle previsioni di crescita del commercio internazionale. 

Vuoi sapere come assicurare i tuoi crediti commerciali? CONTATTACI

I trend per aree e settori per il Made in Italy

Asia e il Nord America: due aree di importanza strategica nelle quali si prevede una crescita del 4,9% nel 2019.

Africa Subsahariana: sarà la più dinamica del 2019, con una crescita pari al +6% e sarà caratterizzata dai nuovi rapporti commerciali con paesi come Senegal e Ghana.

Europa emergente: segnerà una crescita positiva (+4,1%), con Polonia, Repubblica Ceca e Russia che contribuiranno significativamente alla domanda dei beni italiani.

Europa avanzata: da sola rappresenta ancora il 52,9% del’export totale e continuerà a garantire il suo supporto (+3,2%).

America Latina: dopo la contrazione delle vendite in Argentina e Venezuela del 2018 riprenderà la crescita dell’export (+2,9%) grazie ad altri mercati, come il Brasile.

Medio Oriente e Nord Africa: secondo le previsioni di SACE il 2019 porterà un ritorno lievemente positivo (+0,3%), da confrontare con quello precedente pari al -7,4% a causa delle situazioni geopolitiche.

Dal punto di vista dei settori, le dinamiche attese per il 2019 indicano un “fenomeno di convergenza”: saranno i prodotti agroalimentari a spingere le esportazioni (+3.8%), seguiti dai beni intermedi, che contribuiranno grazie alla farmaceutica, poi i beni di consumo, con in prima linea abbigliamento e arredamento e infine i beni di investimento (+3.1%).

Nel contesto della guerra commerciale gli effetti di un’escalation protezionistica portata avanti dagli Stati Uniti porterebbero ripercussioni negative sull’intero sistema del commercio internazionale: le esportazioni italiane aumenterebbero più lentamente (-0,2 punti percentuali nel 2019 e -0,6 p.p nel 2020) e gli effetti del rallentamento dell’economia cinese aggraverebbero l’impatto sulle esportazioni italiane che sarebbero inferiori di 0,8 p.p. nel 2019 e 1,7 p.p. nel 2020. Infine non è da sottovalutare l’eventuale rallentamento della Germania, un’economia strettamente connessa a quella italiana, che influenzerebbe in maniera negativa l’export italiano.

Clicca sul link per scaricare il "SACE Rapporto Export Italiano 2019".

Fonte: SACE

Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?
Pico Adviser Group è un broker specializzato che si occupa di Credito Commerciale dal 1992 e conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie e sa rispondere a tutte le tue domande per indicarti la soluzione più “giusta” per la tua Azienda.

CLICCA QUI per una PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' della POLIZZA CREDITI.

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una prevalutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda.

 

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.