Credendo: guerra commerciale tra USA e Cina

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Dopo l’implementazione delle tariffe USA su alluminio e acciaio gli Stati Uniti hanno dichiarato nuove misure protezionistiche su altri settori ma la Cina si è vendicata facendo altrettanto. Questa guerra commerciale causerebbe una riduzione dei flussi commerciali, o perlomeno un loro cambio di direzione, portando alcune aziende a chiudere o a trasferirsi, causando il licenziamento di migliaia di lavoratori in USA.

Report Credendo: guerra tariffaria USA vs Cina

Trump annuncia tariffe del 25% per 50 miliardi 

Il 15 Giugno il presidente americano ha annunciato due ondate di tariffe sulle importazioni dalla Cina: la prima avrà come target 818 prodotti, riguardanti i settori dei macchinari, attrezzature e ICT, la seconda ondata potrebbe colpire altri 284 prodotti. 

Pechino ha reagito annunciando a sua volta delle tariffe al 25% sulle importazioni dagli Stati Uniti per uno stesso valore che ha come obiettivo prodotti agricoli, whiskey e veicoli. La Cina minaccia anche di aggiungere altri beni come energia e prodotti chimici.

Trump ha intrapreso questa guerra tariffaria perché accusa la Cina di utilizzare pratiche scorrette nei confronti delle imprese americane situate nel territorio cinese ma vuole ridurre le importazioni per riducrre il deficit commerciale degli Stati Uniti.

Vuoi sapere come proteggere al meglio i tuoi crediti commerciali? Compila il form di contatto CLICCANDO QUI

Impatto sui settori

Il settore agricolo americano (soprattutto soia e cotone) sarebbe il più colpito dalle tariffe della Cina. In particolare la soia in quanto per gli USA la Cina è il più grande mercato di esportazione e per la Cina, gli USA sono i principali importatori. La guerra commerciale potrebbe destabilizzare l’economia rurale americana e la Cina vedrà ridotto il suo potere contrattuale. Questione simile anche per il cotone.

Le tariffe annunciate riguarderanno anche il settore automobilistico. Il mercato cinese è molto grande e offre notevoli opportunità per gli esportatori stranieri. L’aumento delle tariffe cinesi potrebbe perciò colpire severamente i produttori automobilistici americani che sarebbero costretti a rivedere le loro strategie in termini di produzione, fino a trasferire i loro impianti al di fuori degli USA.

In conclusione, la guerra commerciale causerebbe una riduzione dei flussi commerciali, o perlomeno un loro cambio di direzione, portando alcune aziende a chiudere o a trasferirsi, causando il licenziamento di migliaia di lavoratori.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL REPORT CREDENDO

Fonte: Credendo
Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?
Pico Adviser Group è un broker specializzato che si occupa di Credito Commerciale dal 1992 e conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie e sa rispondere a tutte le tue domande per indicarti la soluzione più “giusta” per la tua Azienda.

CLICCA QUI per una PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' della POLIZZA CREDITI.

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una prevalutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda.

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.