Fuoriuscita di acidi in azienda: un serio problema?

Aziende

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Lo sversamento di acido in azienda è un'evenienza rara ma non impossibile: negli ultimi due anni, nel solo territorio bolognese, sono accaduti due incidenti! Grazie al pronto intervento dei Vigili del Fuoco e del nucleo NBCR si è provveduto al contenimento della dispersione e all'assorbimento dei liquidi con appositi materiali. Quali rischi economici sono a carico dell'azienda? E sono tutti assicurati? Non sempre!

Inquinamento ambientale: risponde sempre l'azienda

Quarto Inferiore: sversamento di acido nitrico, evacuata un'azienda

Le squadre del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Bologna e il nucleo NBCR (si occupa della gestione di interventi complessi che coinvolgono sostanze pericolose) sono intervenute ieri in provincia presso una ditta in cui si è verificata una dispersione di acido nitrico. Meno di due anni fa era stato necessario un altro complesso intervento in un'altra azienda di stoccaggio di agenti chimici per mettere in sicurezza la perdita di un fusto contenente 800 litri acido fosforico che si era rovesciato, allagando il magazzino, a seguito della corrosione della scansia su cui era posto (sulla stessa erano, fra l'altro, posizionati altri fusti dello stesso tipo...).

Acido nitrico ed acido fosforico sono sostanze sono altamente corrosive, che non solo "attaccano" qualsiasi tipo di metallo con cui vengono a contatto, ma che se disperse provocano gravi danni all'ambiente.

Le conseguenze a carico dell'azienda possono essere pesantissime!

Danni ambientali e non solo

In entrambi i casi si tratta di aziende che utilizzano sostanze altamente inquinanti per le loro lavorazioni: l'eventuale fuoriuscita di acidi può velocemente contaminare aria e territorio circostante. Si pensi inoltre all'eventualità di un incendio: la situazione sarebbe stata ancora peggiore perchè l'acqua di spegnimento potrebbe veicolare tali sostanze al suolo e al sottosuolo (ed eventualmente anche alla falda acquifera!).

Nel caso in cui fosse accertato un inquinamento l'azienda avrà l'obbligo di:

  • Risanare il suolo di proprietà.
  • Ripristinare il tutto al suo stato originario (se questo non sarà possibile sarà tenuta a risarcire il danno ambientale arrecato).
  • Risarcire i danni per inquinamento ai terzi.
Compila il form di contatto CLICCANDO QUI per essere ricontattato da un nostro incaricato.

Oltre ai danni ambientali rimangono anche i danni diretti all'azienda:

  • Danni ai fabbricati e agli impianti (es.: tutto il materiale in acciaio Inox se non trattato in brevissimo tempo sarà corroso dagli acidi).
  • Danni alle merci.
  • Danni all’immagine.
  • Danni al fatturato a causa di fermo dell'attività, indisponibilità di merci, perdita quote di mercato...
  • Indagine penale a carico degli amministratori.

Sono assicurati?

Tutte le aziende sono (in teoria!) dotate di una polizza di assicurazione di Responsabilità Civile generale, quelle "produttive" hanno inclusa l’estensione della copertura all’inquinamento.

Ma quando si parla di rischi ambientali queste coperture sono molto limitate: coprono infatti solo i danni "a terzi", causati da un “inquinamento accidentale”.

Se nei due casi sopra citati l'accidentalità parrebbe evidente, parimenti evidente è la mancanza di copertura dei danni alle proprietà dell’azienda.

Il tema "caldo" è però ancora un altro: l'area.

Fra i beni dell’azienda è bene ricordare che l’area su cui sorge un insediamento industriale rappresenta spesso l’asset di maggior valore del patrimonio e che i danni da inquinamento al suolo dell’azienda, come appena ricordato, non sono coperti dalla polizza di RC generale!

Cosa fare?

In primo luogo occorre verificare qual è la propria situazione, quali sono i reali rischi a cui è soggetta la propria azienda e quanto possono incidere economicamente.

A tal fine, se le dimensioni dell'azienda non consentono di attivare un programma adeguato di Risk Management, è importante disporre di un consulente Broker in grado di effettuare tale analisi e di verificare se il programma assicurativo in essere risulti adeguato o meno.

Ma si può assicurare? Esistono da tempo soluzioni assicurative innovative (polizza danni ambientali) che permettono di dormire sonni tranquilli non solo quando la propria azienda è una potenziale fonte di inquinamento... ricordiamo che non sempre si è colpevoli di un inquinamento ma che le vigenti leggi identificano nel "detentore" dell'inquinamento colui che è chiamato a ripristinare la situazione!

Stai assicurando al meglio la tua azienda? Stai adottando tutte le misure idonee a salvaguardarla?

Vuoi conoscere quali sono i rischi della tua azienda e quali soluzioni assicurative sono attualmente disponibili per tutelarla?

Compila il form di contatto CLICCANDO QUI per essere ricontattato da un nostro incaricato.

(Nota bene: quanto descritto qui sotto è unicamente per scopi "accademici" e non è relativo ai casi citati!)

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.