Euler pubblica "Trade Wars: la forza si indebolisce" - Credito Commerciale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Disponibile sul sito Euler "Trade Wars: the Force Weakens". Il commercio globale di beni e servizi è piuttosto deludente: le attese per il 2016 sono al ribasso. I maestri Jedi, altamente esperti e con un'ottima concezione della Forza degli Scambi: Stati dell'Eurozona e Stati con forti vantaggi competitivi sui bassi costi di produzione (Vietnam, Filippine, Marocco e Kenya).

Euler pubblica Trade Wars.

10/11/2016

Disponibile sul sito Euler il report Euler: "Trade Wars: the Force Weakens".

La forza del commercio si indebolisce!

Il commercio globale di beni e servizi è piuttosto deludente: le attese per il 2016 sono al ribasso (dal +3% del 2015 al +2.1% per l'anno corrente).

Durante gli ultimi quattro anni il volume degli scambi commerciali internazionali è cresciuto a un ritmo piuttosto limitato, due volte più lento rispetto alla media del periodo pre-crisi (+7%).

In termini di valore, il trend è allarmante: tra il 2014 e il 2016 le perdite cumulate arriveranno a -$3.129 miliardi, più o meno l'equivalente del PIL tedesco.

 

Quattro le principali ragioni di breve periodo che spiegano questo momento:

  • La bassa crescita del PIL.
  • Il collasso delle esportazioni di commodity, in particolare delle energie globali.
  • La guerra tra valute: l'apprezzamento del dollaro americano contro le altre valute ha causato, solo nel 2016, un taglio di $960 miliardi agli scambi internazionali.
  • Un più alto consumo di beni e servizi non scambiabili, ad esempio: cure e attività ricreative, beni immobili, servizi finanziari, ecc.

VUOI SAPERE COME FUNZIONA LA POLIZZA CREDITI? CLICCA QUI

Non sorprendentemente, è il settore primario delle commodities che ha causato la contrazione di valore negli scambi globali. I produttori industriali di beni primari registreranno probabilmente un altro anno non semplice, buttato giù dai prezzi di vendita sempre più bassi.

La prima ragione di questo slow-motion degli scambi internazionali è una domanda stagnante e non attiva. Nel classificare i Paesi con necessità di importazioni più elevate, la crescita del PIL, la dimensione e la valuta possono spiegare molto sui primi in classifica. Prima fra tutti vi è la Germania, seguita da Giappone, Cina e Francia.

Dal momento che molti produttori hanno registrato un rallentamento della domanda, le esportazioni sono diventate più difficili e richiedono molta maestria.

Si possono stabilire quattro tipologie di Paesi, esattamente come le quattro tipologie di classi Jedi:

  • I Maestri Jedi, altamente esperti e con un'ottima concezione della Forza degli Scambi: gli Stati dell'Eurozona e gli Stati con forti vantaggi competitivi riguardanti i bassi costi di produzione (Vietnam, Filippine, Marocco e Kenya).
  • I Cavalieri Jedi, capaci di aumentare le quote di mercato nonostante i bassi volumi di crescita, ad esempio: Danimarca, Svizzera e Giappone.
  • I Padawan (apprendisti Jedi), aventi un grande potenziale, tra cui: Arabia Saudita, Australia, Messico e Canada.
  • Gli Youngling (iniziati Jedi), non in grado di beneficiare della Forza, tra i quali: Russia e Paesi esportatori che soffrono di restrizioni monetarie o risentono delle valute estere più forti rispetto a quella domestica.

 

Il report Trade Wars è disponibile sul sito Euler: CLICCA QUI

Fonte: Euler Hermes

Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?
Pico Adviser Group è un broker specializzato che si occupa di Credito Commerciale dal 1992 e conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie e sa rispondere a tutte le tue domande per indicarti la soluzione più “giusta” per la tua Azienda.

CLICCA QUI per una PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' della POLIZZA CREDITI.

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una prevalutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda.

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.