Credimundi report: focus su Argentina e Brasile - Credito Commerciale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Credimundi pubblica il report di Aprile. Disponibile sul sito del Gruppo Credendo il Risk Montly di Aprile con focus su Argentina e Brasile.

Credimundi pubblica il report di Aprile

05/04/2016

Disponibile sul sito del Gruppo Credendo il Risk Montly di Aprile con focus su Argentina e Brasile.

Argentina

Il 31 marzo il Senato argentino (la Camera bassa l'aveva già fatto il 16 marzo) ha spianato la strada per la realizzazione di un accordo raggiunto a fine febbraio tra il Governo ed i cosiddetti "holdout creditors" (obbligazionisti colpiti dal default sovrano del 2001 che hanno rifiutato di accettare un taglio del 70% dei loro crediti nel 2005 e nel 2010).

Per fare ciò, il Senato ha dovuto abrogare le due leggi introdotte dai governi precedenti, che con veemenza oppongono un accordo con gli holdouts (che sono stati indicati come "avvoltoi"). Una di quelle leggi aveva vietato di offrire migliori condizioni agli holdouts rispetto a quelli precedentemente accettati da altri creditori. Eppure questo è esattamente ciò che accadrà con un taglio di circa il 25% per gli holdouts. L'approvazione del Congresso per l'accordo, così come l'emissione anticipata di USD 12,5 miliardi dollari di titoli di Stato per finanziarlo costituiscono un segnale rassicurante per il nuovo governo del presidente Mauricio Macri (che non ha una maggioranza legislativa).

 

Brasile

Il 29 marzo, il più grande partito politico del Brasile - il Partito del Movimento Democratico (PMDB), che controlla 68 dei 513 seggi alla Camera dei Deputati e 18 dei 81 seggi del Senato - ha annunciato il suo ritiro dalla coalizione di governo della presidente Dilma Rousseff.

La tanto attesa decisione in seguito a settimane di intenso sconvolgimento politico in un contesto di recessione economica (contrazione PIL del 3,8% nel 2015, destinato a ridursi del 3,5% quest'anno), lo scandalo di corruzione in continua espansione che coinvolge la compagnia petrolifera statale Petrobras, con un processo di impeachment contro il presidente per presunta violazione delle leggi fiscali, utilizzando fondi della banca di stato per coprire carenze di bilancio.

Per quanto riguarda questi ultimi, le possibilità di sopravvivenza della Rousseff erano state considerate relativamente favorevoli fino all'inizio di marzo, quando il suo mentore e predecessore Lula da Silva è stato interrogato sul suo ruolo nello scandalo Petrobras e successivamente accusato di nascondere la proprietà del patrimonio immobiliare.

La notizia ha ammaccato popolarità dell'ex presidente e ulteriormente depresso il già basso indice di gradimento della Rousseff. Il 13 marzo, manifestazioni in città in tutto il Brasile per chiedere le dimissioni del presidente hanno radunato più di tre milioni di persone (un numero significativamente maggiore rispetto alle proteste anti-governative di un anno fa, poi etichettato come il più grande in una generazione).

Solo pochi giorni dopo, la Rousseff ha gettato la sfida cercando di nominare Lula da Silva come suo capo di stato, una mossa controversa che i critici dicono ispirata unicamente a fare da scudo a Lula da Silva per non essere perseguito.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL REPORT CREDENDO SU BRASILE (in inglese)
 

Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?

Pico Adviser Group è un broker specializzato, si occupa di Credito Commerciale dal 1992: conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie, sa rispondere a tutte le tue domande ed indicare la soluzione più “giusta” per ogni Azienda.

VUOI AVERE UNA PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' DELLA POLIZZA CREDITI?

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una prevalutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda:

CLICCA QUI

 

 

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.