Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Atradius Market Monitor Settore Alimentare

Atradius Market Monitor Settore Alimentare

14/12/2014

Disponibile sul sito italiano di Atradius il report di 23 pagine sul settore Alimentare di: Belgio, Francia, Italia, Germania, Paesi Bassi e Polonia.

Spunti di riflessione

Per le imprese dell’industria alimentare, la buona notizia è che la gente avrà sempre bisogno di mangiare, ma la cattiva notizia, almeno per alcune, è che la concorrenza sta diventando sempre più agguerrita. 

Guardiamo ad esempio alla Germania, dove la concorrenza è spietata e i grandi rivenditori e le catene di discount comandano il mercato, rendendo la vita sempre più difficile ai loro fornitori che vedono salire i costi e scendere i profitti.

La guerra dei prezzi è d'altronde un fattore ricorrente in tutti i paesi che abbiamo esaminato in questa edizione del Market Monitor dato che le difficoltà economiche di alcuni mercati hanno reso i consumatori - nel vero senso della parola - particolarmente sensibili al prezzo. In Francia, la disoccupazione crescente ha portato alla contrazione dei consumi delle famiglie e persino l'export dei vini sta risentendo della crisi.

Troviamo una situazione analoga nei Paesi Bassi, dove le vendite di carne hanno visto una flessione a causa della difficile situazione economica e della diminuzione della fiducia dei consumatori a seguito dello scandalo della carne equina. Il settore alimentare italiano riflette molti dei problemi che affliggono il comparto industriale del paese, tra cui elevata frammentazione e scarsa solidità patrimoniale, e il suo punto forte, almeno per quanto riguarda l'export, è la buona reputazione del "Made in Italy".

Non ci sono soltanto cattive notizie: in Belgio, ad esempio, anche se la pressione sui margini di profitto continua a essere forte, la qualità e la sicurezza dei prodotti alimentari locali ha contribuito a sostenere le esportazioni.

L'impatto dell'embargo della Russia sulle importazioni alimentari dall'UE è ancora difficile da quantificare e varia da paese a paese a seconda del grado di dipendenza dalle vendite su questo mercato. In Germania, l'impatto diretto è limitato ad alcuni sotto-settori ortofrutticoli, in Danimarca la diminuzione delle esportazioni di carne suina in Russia è parzialmente compensata dalle vendite su nuovi mercati, mentre in Polonia i piccoli esportatori fortemente dipendenti dalla Russia avranno difficoltà a trovare un equilibrio tra il ridotto volume di vendite e i loro costi fissi.

Pico Adviser Group è un broker specializzato, si occupa di Credito Commerciale dal 1992: conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie, sa rispondere a tutte le tue domande ed indicare la soluzione più “giusta” per ogni Azienda.

VUOI AVERE UNA PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' DELLA POLIZZA CREDITI?

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una prevalutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda:

CLICCA QUI

 

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.