Sentenza C.C. n. 16958 - Paga il contribuente l'errore del commercialista

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il contribuente risponde del reato di omessa dichiarazione IVA anche se la mancata trasmissione dei dati al fisco sia imputabile a negligenza del commercialista.

Il contribuente risponde del reato di omessa dichiarazione IVA anche se la mancata trasmissione dei dati al fisco sia imputabile a negligenza del commercialista.

È questo il principio affermato nella sentenza n. 16958 dell’8 maggio 2012 con cui la Corte di Cassazione ha confermato la condanna per il reato di cui all’art. 5 del D.Lgs. 74/2000 inflitta dalla Corte d’Appello al legale rappresentante di una società per aver omesso di presentare le prescritte dichiarazioni IVA per i periodi di imposta relativi agli anni 1999, 2000, 2002 e 2003. L’imputato era ricorso in Cassazione allegando il difetto dell’elemento soggettivo del reato in questione, in quanto l’omessa trasmissione delle dichiarazioni era dovuta «a colpa e/o negligenza del proprio commercialista», cui era stata affidata per quegli anni la tenuta della contabilità.

Ai giudici di legittimità le censure dedotte dal ricorrente sono apparse del tutto generiche e infondate, perché in contrasto con quanto accertato e congruamente motivato dai giudici del merito. Peraltro, ad ulteriore motivo del rigetto della impugnazione proposta, gli Ermellini sottolineano come l’affidamento ad un commercialista del mandato a trasmettere per via telematica la dichiarazione dei redditi alla competente Agenzia delle Entrate non esoneri il soggetto obbligato alla dichiarazione dei redditi a vigilare affinché tale mandato sia puntualmente adempiuto.

Dunque ricorrono entrambi gli elementi, oggettivo e soggettivo, del reato imputato, ad onta dell’eventuale colpa o negligenza del commercialista per il mancato e tempestivo invio dei dati al fisco. Tanto è valso a dichiarare inammissibile il ricorso, con condanna dell’imputato alla rifusione delle spese di lite, salva, in ogni caso, sul piano civilistico, la possibilità di chiamare in causa il professionista che ha sbagliato per ottenere il risarcimento del danno.

Ne vuoi sapere di più?

Chiamaci allo 051-255.988 oppure clicca Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per inviarci i tuoi dati ed essere ricontattato da un nostro incaricato.

Serve una polizza di RC Professionale?

Pico Adviser Group ha fatto la scelta di non proporre polizze a "basso costo": ciò però non significa proporre polizze "care", ma polizze con caratteristiche molto performanti perchè una polizza deve proteggere nei casi di vera emergenza...

Consigliamo a tutti coloro che cercano una polizza di Rc professionale per assolvere un obbligo di legge di cercare giustamente il costo minore, consci però del fatto che la copertura potrebbe esser insufficiente.

Abbiamo stabilito innanzitutto di proporre esclusivamente Polizza di Responsabilita' Civile Professionale di tipo "All Risks", preferibilmente con retroattività illimitata e, soprattutto, con un massimale minimo di € 500.000.

Massima velocita' e praticita' per ottenere la polizza: pochi dati, un semplice questionario e in pochi giorni otterra' la polizza, il tutto a mezzo di email!

CLICCA QUI PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO

Contattaci

I dati ricevuti tramite questo modulo saranno trattati conformemente al GDPR (privacy) esclusivamente per rispondervi.