Fare la polizza su internet è comodo ma...

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Risparmiare (troppo) sull'acquisto di una polizza può spesso riservare spiacevoli sorprese... La beffa è doppia perchè se da un lato si è regalato denaro a un truffatore, la cosa ben più grave è il fatto che in caso di sinistro si dovrà - SE sarà possibile - pagare di tasca propria i danni. Non solo, se si tratta di una polizza RCA si correrà anche il rischio di vedersi sequestrata la macchina. In questo mondo sempre più "informato" sembra facile... ma nonostante tutto c'è ancora molto spazio per le truffe!

Sito non riconducibile ad intermediario RUI...

L’IVASS rende noto che è stata segnalata la commercializzazione, attraverso il sito internet "...", di polizze r.c. auto contraffatte apparentemente emesse ed intermediate, rispettivamente, dalla Compagnia X e dal Broker Y.... Il suddetto sito internet riporta il numero di iscrizione al Registro Unico degli Intermediari assicurativi – RUI di un intermediario regolarmente iscritto (il broker Z) che ha dichiarato la propria totale estraneità alle attività svolte tramite il sito medesimo...

L’Ivass rende noto che è stata segnalata la promozione di polizze r.c. auto, anche di durata temporanea, per il tramite del sito xxx che non è riconducibile ad alcun intermediario iscritto nel Registro Unico degli Intermediari - RUI, né alla Compagnia yyy - nonostante nella home page sia riportata l’indicazione «Copyright All right reserved yyy». I potenziali clienti sono risultati destinatari di preventivi rilasciati su modulistica apparentemente riconducibile a quella utilizzata dalla Compagnia yyy che ne ha disconosciuto l’autenticità e ha reso noto di non commercializzare polizze r.c. auto di durata temporanea.

Questi due esempi sono i tipici comunicati con cui IVASS avverte il consumatore... il problema, tralasciando il fatto che non è certo scontato venirne a conoscenza, è che quando si ha occasione di leggere il comunicato è già troppo tardi!

Quando si è pagato un premio e si è in possesso della polizza, si circola tranquillamente perchè tramite questi due elementi si ritiene di "essere assicurati"!

Ma non è sempre così! Anche se si è fatto fatto l'acquisto in buona fede, anche se lo si potrà dimostrare, qualora si fosse "beccati" si sarà purtroppo soggetti alle sanzioni previste dalla Legge.

E se fino a qualche anno fa era possibile cavarsela in qualche modo, con i controlli che sono disponibili alle forze dell'ordine, semplicemente passando sotto ad una telecamera oggi si può esser multati e subire anche il sequestro del veicolo...

Il tutto per aver fatto un acquisto in buona fede!

Attenzione alla tariffa

Per prima cosa dobbiamo ricordare sempre che la tariffa, il costo della polizza, è legata sì alla propria "classe di merito", ma anche e soprattutto alla zona di residenza: non è che solo per il fatto che si va a ballare fuori provincia si possa tranquillamente dimostrare di aver 20 anni se se ne hanno 50!

Se l'intermediario che si è trovato su internet sta quindi a 500 Km da casa, non è questo il motivo per cui il preventivo che vi ha fatto è la metà (o anche meno), specialmente se si tratta della stessa Compagnia che vi ha già fatto un preventivo!

Certo, un intermediario può godere da parte della stessa Compagnia di uno sconto maggiore rispetto ad un suo collega, ma nel momento in cui si inserisce il numero di targa nel sistema per fare il prevenitivo, compare immediatamente la residenza del proprietario e così la tariffa di partenza si livella. L'intermediario potrà quindi applicare uno sconto ma spendere la metà deve far alzare le antenne!

Ma cosa è necessario fare?

L’Ivass raccomanda di adottare le opportune cautele nella sottoscrizione tramite internet di contratti assicurativi, soprattutto se di durata temporanea, verificando, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese e tramite intermediari regolarmente autorizzati allo svolgimento dell’attività assicurativa e di intermediazione assicurativa.

Tramite la consultazione sul sito www.ivass.it è possibile verificare compagnia ed intermediario:

Nome della compagnia - (attenzione: spesso i truffatori cambiano qualche lettera e il nome è simile a quello di una compagnia vera) Sul sito ci sono gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenco specifico per la r. c. auto).

Nome dell'intermediario - il Registro Unico degli Intermediari (RUI) e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea contiene i nomi e i numeri di iscrizione degli intermediari autorizzati.

Avvisi - sempre sul sito c'è l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, di Società non autorizzate, dei Siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione.

L’Ivass suggerisce di verificare nel sito dell’Istituto che:

  • Ove il beneficiario del pagamento del premio sia un intermediario, si tratti di un iscritto al RUI.
  • In caso di richiesta di pagamento a favore di carte di credito prepagate/ricaricabili e/o conti bancari/postali (anche on-line), l’intermediario iscritto nel RUI sia il titolare della carta o del conto.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell’Ivass al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 - 14.30.

Vuoi saperne di più? CONTATTACI

 

Contattaci