Euler WERO: report settimanale sul rischio export n. 18

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Euler Hermes pubblica il nuovo WERO (Weekly Export Risk Outlook) che focalizza sulla situazione dei Paesi emergenti ed in quelli trainanti l'economia. Sotto esame Francia, U.S.A., Germania, Kenya, Indonesia, Argentina, Turchia e mercati emergenti.

Weekly Export Risk Outlook n. 18

11/05/2018

Euler Hermes pubblica il nuovo report settimanale con focus su Paesi emergenti ed in quelli trainanti l'economia.

U.S.A.

  • Il rapporto di occupazione di aprile ha deluso ma alcuni dettagli sono stati positivi, tra cui i guadagni diffusi in quasi tutte le industrie nei due mesi precedenti e una significativa crescita media dell'occupazione finora nel 2018. Il tasso di disoccupazione è sceso da 4,1% a 3,9%, il più basso in 17 anni.

Germania

  • Sia le esportazioni che le importazioni sono aumentate di quasi il 3% nel primo trimestre. Le esportazioni tedesche si sono sviluppate molto diversamente da regione a regione. Mentre le esportazioni verso l'Eurozona sono cresciute fortemente di quasi il 7%, le esportazioni verso in paesi terzi hanno addirittura registrato un lieve calo dello 0,3%, ciò rappresentando un segnale che l'Europa sta facendo molto bene rispetto al resto del mondo dal punto di vista prettamente economico.

Kenya

  • La crescita è rallentata al 4,9% nel 2017, mentre l'inflazione è diminuita costantemente dal 11,7% del maggio 2017 al 4,2% del marzo 2018 e dovrebbe scendere ulteriormente.La crescita del PIL dovrebbe accelerare fino al 6,5% nel 2018 sulla base di due presupposti principali: l'agricoltura in forte ascesa e una politica monetaria di alleggerimento e meno restrittiva.

Indonesia

  • La crescita del PIL reale è rallentata fino al 5,1% nel 2018. La buona notizia è che gli investimenti hanno continuato ad avere un'impennata positiva e gli indicatori avanzati suggeriscono un impulso positivo in avanti nonostante un commercio estero sottoperformato a causa di un aumento netto delle importazioni.     
Vuoi sapere come proteggere al meglio i tuoi crediti commerciali? Compila il form di contatto CLICCANDO QUI

Argentina

  • L'ultimo aumento dei tassi di interesse e l'impegno a ridurre il deficit fiscale primario al livello del 2,7% rispetto al PIL (invece del 3,2%), hanno temporaneamente stabilizzato il peso. Una delegazione ha incontrato il personale del FMI per negoziare una linea di credito di 30 miliardi di dollari: ciò potrebbe contribuire a ripristinare la fiducia, ma imporrà ulteriori vincoli sulle politiche. Una diminuzione della volatilità è subordinata all'ottenimento della linea di credito.

Turchia

  • Dopo il rallentamento avutosi nel 2017, l'inflazione è aumentata di nuovo in aprile e l'indice della manifattura è sceso a 48,9 punti in aprile indicando un rallentamento dell'attività economica nei mesi a venire. Tutto ciò combinato con la recente forza del USD e all'ulteriore inasprimento della politica monetaria dopo la revisione dei requisiti di riserva. Tali cattive notizie hanno fatto registrare un ulteriore ribasso contro il USD ed Euler si aspetta che il cambio rimanga volatile nelle prossime settimane.

Francia

  • I consumi privati ​​sono cresciuti di appena il + 0,2% nel 1° trimestre, invariati rispetto al quarto trimestre, e non vi è stata una buona tenuta delle esportazioni (-0,1% nel primo trimestre, dopo il + 2,5% nel quarto trimestre). Due deboli performance sono state particolarmente evidenti, il settore automobilistico e il settore delle costruzioni (rispettivamente -3% e -3,7%). Il maltempo ha contribuito alla recessione ma la politica ha anche penalizzato la base di beneficiari degli strumenti di sostegno alla politica (prestiti a tasso zero, legge Pinel sugli investimenti locativi). Alcuni segnali indicano però che l'attività dovrebbe riprendersi nel secondo trimestre.

Mercati emergenti

  • Gli ultimi dati PMI mostrano la necessità di selettività nei mercati emergenti (EM). Il più alto prezzo del petrolio sta già avendo un certo impatto. Il nostro indice PMI manifatturiere dei mercati emergenti è sceso a 51,7 punti in aprile da 51,8 di marzo e a 52,2 a novembre. Il principale peggioramento è venuto dagli importatori di petrolio. Ciò ha avuto un impatto sui tassi di cambio poiché i prezzi delle importazioni più elevati implicano una maggiore inflazione importata. Le principali conseguenze sono state visibili in Turchia e in Sudafrica con deprezzamenti superiori al -5% nell'ultimo mese.

Clicca QUI per visualizzare il Report Euler

Fonte: Euler

Quali sono le esigenze della tua Azienda? Vuoi capire se la polizza crediti fa per te?
Pico Adviser Group è un broker specializzato che si occupa di Credito Commerciale dal 1992 e conosce perfettamente l’offerta di tutte le Compagnie e sa rispondere a tutte le tue domande per indicarti la soluzione più “giusta” per la tua Azienda.

CLICCA QUI per una PRE-ANALISI DI FATTIBILITA' della POLIZZA CREDITI.

Bastano solo pochi dati per ottenere da Pico Adviser una prevalutazione di fattibilità e di costi, investi solo 5 minuti del tuo tempo per conoscere uno strumento a salvaguardia dell'azienda.

Contattaci