Esporti in Algeria? Non scrivere "Free Payment" in fattura!

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La nuova newsletter "LO SAPEVATE CHE….." del Servizio Internazionalizzazione di Confindustria Emilia Romagna ricorda una cosa molto importante: quando si effettuano operazioni di export non basta la normale diligenza. Il supporto di una struttura altamente specializzata come quella del Servizio Internazionalizzazione si può rilevare fondamentale e determinante per "portare i soldi a casa".

“Free payment” su fat­ture di esportazione in Algeria

Newsletter del Servizio Internazionalizzazione Confindustria Emilia Romagna Area Centro.

La nuova newsletter "LO SAPEVATE CHE….." del Servizio Internazionalizzazione di Confindustria Emilia Romagna Area Centro dimostra che quando si effettuano operazioni di export, specialmente in Paesi non convenzionali, non basta la consueta "normale" diligenza.

Se è necessario porre la massima attenzione a tutti i dettagli non sempre si possono avere tutte le competenze: ecco che il supporto di una struttura altamente specializzata come il Servizio Internazionalizzazione dell'associazione industriali si può rilevare fondamentale per "portare i soldi a casa".

Un’azienda associata che lavora da molti anni con l’Algeria ci ha posto un quesito in relazione ad una richiesta di un cliente algerino, di indicare “free payment” in fattura per facilitare le formalità bancarie: la modalità di pagamento concordata era tratta bancaria. Abbiamo precisato all’azienda che la dicitura è ammessa ma non tutela l’azienda italiana in quanto, con tale dicitura, non viene specificata la forma di pagamento che verrà eseguita.

Il termine “Free payment”, infatti, è usato nelle operazioni di incasso documentario (D/P-CAD) dove vengono inviati i documenti commerciali e di spedizione alla banca del compratore, tramite la banca del venditore, con le istruzioni di consegnarli al compratore senza richiedergli il pagamento dell’importo e, cioè, “Franco di pagamento”, contrariamente al Documents against payment che vuol dire di consegnare i documenti al compratore soltanto contro pagamento a vista dell’importo e al Documents against acceptance (D/A) che, invece, vuol dire di consegnarli contro firma di accettazione della tratta, da pagare ad una certa data di scadenza.

Trattandosi, poi, dell’Algeria, che ha una normativa valutaria restrittiva dove tutti i pagamenti prevedono l’obbligo della “Domiciliazione bancaria” almeno 30 giorni prima della spedizione in Algeria e che gli stessi dovranno essere eseguiti o tramite “Rimessa documentaria” cioè, l’incasso documentario sopra richiamato (D/P-CAD-D/A) o a mezzo credito documentario, le tutele di pagamento sono nulle.

Il ritardo, poi, dei trasferimenti valutari dall’Algeria all’Italia, dipende da aspetti legati al trasferimento dei fondi (Euro) dei conti intestati alle banche algerine che devono avere la “provvista” e l’autorizzazione delle autorità centrali. Pertanto tenendo conto anche degli importi rilevanti della commessa algerina, è stato suggerito all’azienda di negoziare un pagamento con Lettera di credito, praticando al cliente una dilazione di pagamento.

Contatta il Servizio internazionalizzazione di Confindustria Emilia Romagna Area Centro

Assicurare i crediti commerciali in Algeria

Algeria 03 2018

Nel dicembre 2017 l'Algeria ha subito dalla Compagnia Credendo un leggero downgrade da 2 a 3 (su una scala in cui 7 è peggiore) perchè il governo algerino continua a lottare con l'attuazione delle necessarie riforme economiche in risposta ai bassi prezzi del petrolio che ha comportato ampi deficit fiscali e un ampio disavanzo delle partite correnti che ha portato a un calo del 45% delle riserve valutarie del paese tra la fine del 2013 e l'agosto 2017 e un esaurimento del Fondo di stabilizzazione del petrolio del paese.

Ciò nonostante un rating 3 su 7 è molto buono e le transazioni commerciali sono assicurabilli (ovviamente come sempre l'assicurabilità è data dalla bontà del buyer!). Credendo offre inoltre sempre inclusa nel costo della polizza anche la copertura del rischio politico, fra l'altro inteso nel senso più ampio, che include anche la copertura del mancato pagamento es. a causa di eventi naturali, mancanza di valuta, ecc.

Vuoi valutare come assicurare le tue vendite anche in Algeria?
Compila il form di contatto CLICCANDO QUI.

Contattaci