Pico Adviser Group - Le Soluzioni per la salvaguardia e la difesa del patrimonio

Divisione "AEGIS", Servizio di Consulenza Finanziaria Indipendente "Fee Only"

NEWSLETTER MERCATI - 30 Ottobre 2011

I fatti della settimana

  • I mercati finanziari, dopo una ingiustificata euforia per i piani predisposti dai governi europei, tornano a stornare con forza. In specifico, l’inconsistente piano di rientro dal debito italiano si è palesato di fronte agli operatori che continuano a ritenere il nostro paese come l’anello debole della catena europea. In più, la scelta del governo greco di sottoporre a referendum popolare le scelte operate di recente mette ombre sulla stabilità della zona euro.
  • In questo contesto gli indici hanno perso in brevissimo tempo lo smalto delle ultime ottave, riprendendo la fase correttiva, in concomitanza con il raggiungimento di resistenze statiche e dinamiche piuttosto ostiche. In particolare, i grafici mensili aiutano a disegnare la situazione odierna con più facilità. Sul mercato Usa la situazione lascia ancora spazio ad una ripresa del trend positivo, vista la buona performance di ottobre: si è in perfetto bilico tra il recupero della media a lungo termine e di livelli importanti e la conclusione che il rimbalzo di ottobre è stato solamente un mero recupero tecnico (confermando di fatto il trend ribassista). Sul Dax, invece, il test delle medie di lungo e delle resistenze statiche è stato molto preciso e ha respinto le quotazioni in maniera molto decisa.
  • Riprendono quota Bund, Oro e volatilità: questo conferma la necessità di avere un atteggiamento ancora prudente verso il mercato. Le notizie finanziarie e quelle politica avranno molto probabilmente un intreccio molto intenso già dalle prossime giornate di borse.
  • Visti i livelli di tensione raggiunti sul debito italiano, è lecito quindi attendersi ancora interventi straordinari, per evitare il precipitare della situazione.  

Principali notizie della settimana

FIAT: Il Lingotto decide la conversione delle azioni privilegiate e risparmio in ordinarie.

Eurozona: c'è l'accordo. Fondo Salvastati fino a 1.000 mld, taglio del 50% per bond greci.

Fonti:

  • Consultique
  • Milano Finanza

 

Per maggiori informazioni potete contattarci:

mail: aegis@pico-adviser.com

telefono: 0386/846114

fax: 0386/847815

Chi è il consulente finanziario indipendente.

Il consulente finanziario indipendente (o consulente fee-only, persona fisica o giuridica) è colui che svolge una consulenza sul portafoglio dei clienti, affiancandosi agli stessi nei rapporti con gli intermediari finanziari (quali banche e compagnie assicurative), senza operare in conflitto d’interessi.

Infatti la sua remunerazione non deriva da provvigioni sui prodotti consigliati (come per banche ed assicurazioni), ma il suo unico ricavo e’ dato dalla parcella corrisposta dal cliente (proporzionale al lavoro svolto).

 

E’ una figura professionale simile a quella del commercialista e dell’avvocato.

 

L’attività’ può essere paragonata a quella del medico in quanto, come il medico si occupa della salute del vostro corpo, il consulente finanziario indipendente si occupa della “salute” dei vostri investimenti.

 

Istituzione della professione

Nel nuovo Testo unico in materia di intermediazione finanziaria, aggiornato al 2009, è stato inserito l'art. 18 bis, relativo ai "consulenti finanziari" con il quale, in recepimento della Direttiva Europea 2004/39/CE detta MiFID (Markets in Financial Instruments Directive), viene istituzionalizzata la consulenza finanziaria indipendente. Nel 18 bis è prevista l'istituzione dell'Albo dei Consulenti Finanziari che verrà tenuto e vigilato da un Organismo, i cui rappresentanti saranno nominati con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze, sentite la Banca d'Italia e la Consob.

Al fine di operare, il consulente finanziario indipendente necessita dell’iscrizione al nuovo albo previsto dalla normativa MiFID, che entrerà in vigore non prima di Giugno 2010 oppure al Registro Unico degli Intermediari Sezione B (Broker, come la nostra società) o all’albo commercialisti.

 

AMBITO D’ ATTIVITA’

Il consulente finanziario indipendente Vi consiglia in relazione agli strumenti finanziari più idonei alle vostre esigenze senza operare direttamente sul vostro portafoglio; in poche parole non ha possibilità di mettere mano alle vostre somme. Vi tutela nei rapporti fra voi, le banche o le compagnie assicurative.

 

Servizi

Obiettivi primari sono:

-          aiutare il cliente a comprendere le proprie esigenze;

-          classificarle secondo un ordine di priorità;

-          determinare in maniera realistica il rendimento del portafoglio necessario al perseguimento delle stesse.

 

Vantaggi

Attraverso la figura del consulente finanziario indipendente, il cliente ha:

1 - il vantaggio economico di eliminare i costi occulti presenti all’interno dei prodotti in suo possesso che possono arrivare anche al 3-4% annuo del patrimonio;

2 - di individuare strumenti finanziari più efficienti in termini di costo, di rendimento e di rischio.

 

Il servizio di consulenza indipendente Aegis, attivabile per patrimoni da 300.000-500.000 euro, opera esclusivamente nell’ambito della consulenza pura personalizzata (in quanto le esigenze di ogni cliente sono diverse e particolari), e non ha finalità o obiettivi di vendita prodotti.

 

Per maggiori informazioni potete contattarci:

mail: aegis@pico-adviser.com

telefono: 0386/846114

fax: 0386/847815

 

 

QUADRO NORMATIVO

 

Nell’Aprile del 2004 il Parlamento e il Consiglio dell’Unione europea, recependo l’invito della Commissione del 2002, danno vita alla Mifid. Con questa direttiva, la consulenza non è più un servizio accessorio, esercitatile in via teorica da chiunque, ma può essere prestata solo da soggetti autorizzati (si veda art. 67 della direttiva).


Il 29 Ottobre 2007, con delibera 16190, la Consob ha adottato il regolamento recante le norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1198, n. 58 in materia di intermediari rendendo, in tal modo, operative tutte le disposizioni della Mifid in materia.

 

 

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha regolato con il decreto 206 del dicembre 2008 i requisiti per l'iscrizione all'Albo dei consulenti finanziari persone fisiche. A breve verranno anche comunicati dal Ministero i requisiti relativi alle persone giuridiche. Di particolare importanza l'art. 5 del decreto (requisito di indipendenza) nel quale, tra l'altro, si prevede che "per la prestazione di consulenza in materia di investimenti gli iscritti all'Albo non possono percepire alcuna forma di beneficio da soggetti diversi dal cliente al quale e' reso il servizio".

 

Nel mese di maggio 2009, è stato inoltre approvato dal Parlamento italiano anche l'art. 18 ter, che riguarda le società di consulenza finanziaria e prevede che, oltre ai consulenti finanziari persone fisiche, anche le persone giuridiche (Srl ed Spa) possano prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti.
Tali società verranno inserite nell'Albo in un'apposita sezione ad esse dedicata.

 

Il 15 Gennaio 2010 la Consob ha adottato con la Delibera n. 17130 il Regolamento di attuazione degli articoli 18-bis e 18-ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n.58 in materia di consulenti finanziari persone fisiche e società di consulenza finanziaria.

Contattaci!

Inserisci i tuoi dati, sarai contattato da un professionista!




Trattamento dei dati

Pico Adviser Group - L'assicurazione del Credito Commerciale: basta ancora una stretta di mano??
© Pico Adviser Group S.r.l. - Via Barozzi, 2 - 40126 Bologna - Tel: 051-255.988 Fax 051-054.88.34
Capitale Sociale: €. 119.900,00 i.v. - P. IVA 04180860373 - REA n. BO-0350403 - R.U.I. n. B000014433 - PEC: pico-adviser @ pec.it - Privacy